martedì 14 marzo 2017

Ribelle per moda


Niente degli indumenti che ha indosso questa ragazzina è a caso , è tutto studiato e tutto griffato, penso che anche i calzini lo siano ;
E del jeans strappato "ad arte" che dire ? oltre che  sarà costato un patrimonio .
I punk in tutta la loro sincerità se li facevano con la pietra pomice i buchi sui jeans ed era un modo di essere di essere  e agli hippy i buchi venivano perché i jeans li portavano fino a finirli, ed era un modo di essere sincero anche quello.
E oggi ci sono modi di essere "sinceri "?
Guardandosi intorno credo proprio di no.
Ciao



12 commenti:

  1. È la società dello spettacolo, e quindi dell'apparire non dell'essere.

    RispondiElimina
  2. Bella e giusta riflessione.
    Pure all'epoca mia, del grunge, gli strappi ce li facevamo da soli.
    Non erano nemmeno così grandi (a che pro andare in giro, di fatto, mezzi nudi? non si muore di freddo?)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Non è l'abito che fa il monaco.
    Il problema è questo. Se la ragazza è bella quel tipo di vestirsi può anche esaltare il suo corpo, ma se è non è bella finirà per peggiorare la sua situazione.

    RispondiElimina
  4. Quel tipo di abbigliamento non rappresenta una vera ribellione, ma la voglia di imitazione di quella sensazione senza davvero essere ribelli. Io non giudico, dico solo che di ribelle, come hai giustamente evidenziato anche tu, non c'è nulla. Di sincero non so, dipende, io credo che quella ragazzina sappia benissimo di non essere una ribelle e neanche ci si sente quindi nel momento in cui non millanta una condizione che non ha nonostante il fac-simile del vestito, forse a suo modo è sincera. I giovani di oggi non sentono il senso di ribellione casomai di frustrazione o di voglia di andarsene dal nostro Paese. Ed hanno voglia di vestirsi alla moda è vero, ma per una loro se vuoi vacua, gratificazione personale. Questo non vuol dire che i giovani non abbiano cervello, generalizzare in ogni ambito è fuorviante ed errato.

    RispondiElimina
  5. La moda e i modi dei giovanissimi è solamente un gioco,credono di essere diversi ma si accomunano alla tribù, come la mia generazione (nonno ex) sessantottino),accomunati dal "Parka"o verdone (Giaccone in di tela verde con cappuccio) jeans e "Superga" ai piedi.

    RispondiElimina
  6. ogni annata ha la sua moda... questa è particolarmente brutta oserei dire

    RispondiElimina
  7. Tutti, bene o male, indossiamo una divisa (è da sempre così), ma non me la sento di fare del moralismo su questa ragazzina.

    RispondiElimina
  8. Eh così va il mondo, d'altronde molti degli stilisti erano "punk" o erano in quelle situazioni e quindi non hanno fatto altro che proporre uno stile "ribelle"... a quanto pare piace e vende. Pensiamo solo agli anfibi neri e inglesi ( ci siam capiti ) ora sono un marchio di "stile". La moda funzia così...

    RispondiElimina
  9. Le idee di abbigliamento di molti giovani sono allucinanti
    Stupide ed anche controproducenti . . . .
    Brutte da vedere e che stanno loro addosso molto male
    Le scarpe sono allucinanti poi - anche e sopprattutto quelle delle ragazze sono bruttissime .... da montagna o quasi :-)
    Dovrebbero almeno guardarsi allo specchio prima di uscire di casa !
    Altro che moda ........
    Un saluto

    RispondiElimina
  10. io ero un piccolissimo grunge/punk anche se stavo in un collegio, anche se ci stavo da proletario. lavoravo sui capelli. il look pantaloni strappati per moda mi fa sorridere di tristezza.

    RispondiElimina