mercoledì 13 settembre 2017

Il mare come ...



                    
                 Scolpire il mare...
Le sue musiche...

                           Lunghe,
le mobili sue cordigliere
crestate di neve...

                     Scolpire
– bluastre – le schegge
delle sue ire...

                    I frantumi
– contro murate o scogliere –
delle sue euforie...

Filarne il vetro in làmine
semiviperine...

                     In taglienti
nastri d'alghe...
                     Fissarne
– sotto le trasparenti
batterie del cielo – le bianche
catastrofi...

                Lignificare
le esterrefatte allegrie
di chi vi si tuffa...
                             Scolpire
il mare fino a farne il volto
del dileguante...

                         Dire
(in calmerìa o in fortunale)
l'indicibile usando
il mare come materiale...

    Il mare come costruzione...

    Il mare come invenzione...  

[Giorgio Caproni - Il mare come materiale ]

6 commenti:

  1. "il mare come invenzione" lo trovo un verso sublime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è il verso che mi ha sempre colpito di piuù , ciao Dan

      Elimina
  2. Grandiosa. Come un'ondata di genialità. Anche se nel commentare non posso non pensare a ben altre ondate che vi hanno fatto del male.
    Un abbraccio grande a te e a tutti i livornesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Zio ! Un abbraccio da me e da Livorno tutta :)

      Elimina
  3. Bella scelta ! Dai dai Livorno!

    RispondiElimina
  4. Grazie ...dai ci risolleveremo e se la smettessero di litigare Nogarin e soci ?

    RispondiElimina